Commemorare i caduti della strage di Nassiriya è un dovere morale e politico dal quale non si può prescindere se si ama davvero la propria Patria. Il 12 novembre di diciotto anni fa il tragico fato strappava alla vita giovani uomini, militari, i quali avevano rinunciato a tutto per difendere la nostra nazione e per servire lo stato, dimostrando senso del sacrificio e dell’onore. Combatterono una guerra difficile, un conflitto frustrante a vedere come si è concluso, ma il loro unico interesse era il benessere dell’Italia e di tutto il suo popolo. Avvenimenti di questo tipo, purtroppo, nelle comune memoria degli italiani spesso non trovano adeguato spazio, a causa di spinte antipatriottiche che non rinunciano ad alimentare divisioni e contrasti, neanche di fronte alla morte dei nostri soldati impegnati nel mondo in varie missioni. Può sembrare inopportuno raccontare la parte marcia della politica nel giorno in cui ricordiamo i caduti di Nassiriya, ma, in realtà, non lo è, dal momento che gli eroi nazionali per avere giustizia devono avere qualcuno che per loro combatte e non consente che racconti distorti, calunnie, cori e slogan da mentecatti prendano il sopravvento.

Si avverte in molteplici situazioni la mancanza di unità nazionale in Italia ed è proprio da qui che bisogna partire per essere uniti ed espellere elementi di disturbo. Il sacrificio di chi è caduto per amor di Patria e di chi, ogni giorno, per essa rischia la vita, non deve restare invano. Chi qui non è più non potrà tornare ma la sua anima è immortale e la sua presenza non sarà scalfita, se si continuerà a coltivare i germogli che ha seminato con le proprie azioni e con il proprio coraggio.

Ognuno di noi è responsabile del destino della sua Terra e ogni volta che si abbandonano i valori, le virtù e il profondo senso della comunità, essa viene danneggiata e la memoria dei figli d’Italia e dei martiri oltraggiata. Nulla rimanga circoscritto ad oggi per formalità e le splendide parole di compianto odierne siano alla base della vita quotidiana

In onore dei caduti di Nassiriya, eroi nazionali. Noi non dimentichiamo 🇮🇹